Plutone

Sprigiona il potenziale delle tue fotografie con la post produzione

Plutone

Ultra Venice è un percorso online aperto a tuttə gli appassionati di fotografia:

Studenti e studentesse, persone che fanno un lavoro che non c’entra nulla con la fotografia e persone che invece la utilizzano nel loro lavoro (come creativə, fotografə, graphic designer, liberə professionistə, solopreneur).

Vogliamo far esplodere il tuo personalissimo sparkle.

In Ultra Venice nessuno ti dice “devi fare per forza così”

We are on a mission per trasformare il modo in cui pensi e ti approcci alla fotografia.

I 3 pilastri di Ultra Venice

Clicca sulle carte per scoprirli

Tecnica senza il tecnichese

Usiamo un linguaggio chiaro e diretto per spiegarti la fotografia, integrandolo con esempi tratti dal cinema, dalla musica e da altri ambiti. Non parliamo “tecnichese” e la nostra missione è rendere tutto iper comprensibile. Se non è chiarissimo, quasi abbagliante, non lo pubblichiamo.

Creatività introspettiva

Lavoriamo sui blocchi creativi. Ti incoraggiamo a scendere in profondità e a scavare nel tuo vissuto, per creare scatti che ti rispecchiano e che parlano realmente di te. A Venice siamo esploratori dell’interiorità.

Comunicazione

Bello scattare, ma se le tue foto rimangono sempre sul computer che senso ha tutto quello che hai fatto?Ci focalizziamo anche sulla pubblicazione degli scatti, sull’invio di fotografie a mostre e concorsi, sul creare un profilo Instagram che ti fa sentire fierə.

  • Persone che vogliono esplorare la loro creatività

    Nella vita di tutti i giorni fai una professione non creativa e senti che c’è una parte di te che non riesce ad esprimersi. La fotografia è (o sta per diventare ?) il tuo spazio artistico, uno dei pochi momenti che dedichi solo a te.

    Sei nel posto giusto: la maggior parte degli studenti di Venice sono impiegati, tecnici, dentisti, medici, maestre, persone il cui lavoro non c’entra nulla con la fotografia. Welcome home 🙂

  • Appassionati di fotografia che cercano un approccio diverso

    Magari hai già frequentato corsi di fotografia, ma hanno spento la tua motivazione più che accenderla. L’hai persa da qualche parte tra la tecnica e la noia.

    Senti l’inconfessabile desiderio di vedere una tua fotografia esposta in una mostra o stampata in un libro, come puro riconoscimento personale (ma non hai idea di cosa dovresti fare per arrivarci).

  • Persone che vogliono creare un secondo lavoro come fotografə

    Ti piacerebbe capire come fare della fotografia un side job, magari utilizzando il tuo profilo Instagram per esprimerti online, farti conoscere e promuoverti, anche grazie a progetti personali.

    NB: Ultra Venice non è un corso specifico, ad esempio per diventare fotografi di ritratto, di matrimonio o di personal branding. Può aiutarti, invece, a trovare o ritrovare il tuo stile espressivo.

Lavoriamo sui 3 pilastri della fotografia contemporanea:
tecnica, comunicazione e creatività
(e non soltanto su 1 dei 3)

Potremmo stare qui per ore a dirti che non siamo il solito corso di fotografia.

Ma preferiamo dimostrartelo.

Prima di entrare

Quando arrivi nella Ari-zona entri in una dimensione diversa, la nostra, in cui ogni persona è libera di essere se stessa e di esprimersi, con empatia e sensibilità: nella nostra community non si giudica e non si alza la voce.

Se ci fosse un cartello, all’ingresso, sarebbe qualcosa tipo: “Stai entrando nel nostro mondo, be mindful about it”.

Ultra Venice è un corso per chi vuole esplorare la fotografia e il mondo in modo aperto, curioso, fluido. Qui non parliamo solo di tecnica, amiamo la contaminazione tra le arti e ci piace stabilire un contatto con chi si sente un po’ alienə ?

Che generi fotografici trattiamo dentro Ultra Venice?

 

  • 01/

    Street photography

  • 02/

    Fotografia di viaggio

  • 03/

    Fotografia del quotidiano (oggetti, persone, spazi)

  • 04/

    Fotografia di persone (in viaggio e nella vita di tutti i giorni)

  • 05

    Sviluppo di un progetto personale

  • 06/

    Fotografia come strumento introspettivo

Ecco un po’ di cose che potrebbero interessarti:

  • Risvegliarti e riconnetterti a fondo con la tua creatività, perché nella vita fai un lavoro tutt’altro che creativo.
  • Essere fierə degli scatti atomici che farai da Ultra Venice in poi.
  • Sentire che nella tua fotografia c’è molto più coraggio.
  • Guardare con occhi nuovi la tua vita di tutti i giorni (che magari adesso ti sembra noiosa e poco fotogenica).
  • Partire per il prossimo viaggio con l’entusiasmo di chi sa che porterà a casa foto di un altro livello.
  • Avere un eserciziario sempre pieno da cui attingere per auto-sfidarti.
  • Sviluppare un mini progetto personale (magari hai divorziato, magari vuoi raccontare a modo tuo una perdita o una malattia, magari c’è un tema a forte voltaggio emotivo che senti di voler esplorare attraverso la tua fotografia).
  • Ottenere un riconoscimento personale partecipando un concorso o a una mostra.

(Ok, anche aumentare i like alle tue foto su Instagram non ti offenderebbe ?).

Ecco alcune delle (tante) professioni dei nostri studenti:

Ti chiedi se Ultra Venice possa fare per te, perché non sei fotografə?

Grafico Pubblicitario
Commessa
Lavoro da McDonald’s
Neurologa
Ispettore di polizia
Cuoco
Ancora in fase di definizione
Insegnante di Inglese
Operaio portuale
Avvocato
Ingegnere Informatico
Autrice tv
Cassiera in un supermercato
Titolare di un’azienda metalmeccanica
Agente di viaggi

UX/UI designer
Consulente aziendale
Bancario
Assistente sociale
Pediatra
Event Manager
Impiegata
Studente di design ecosostenibile
Sono in pausa di riflessione
Cameriera
Graphic Designer
Mi sono presa un anno sabbatico
Social Media Manger
Studentessa di lingue
Casalinga

 

E quello che hanno prodotto

allievi

Quando gli studenti superano l’insegnante

Professoressa di matematica Federica Nannini

Mi sono innamorata delle foto di Irene. Ho sempre guardato con ammirazione gli scatti di altri pensando sempre “Io non farò mai foto così”. Poi ho capito che non era più solo un gioco, ma che ci tenevo a vedere “riconosciuto” il mio modo di osservare il mondo.
Nell’ultimo anno sono stata selezionata tre volte da Perimetro. In un caso la giuria è stata presieduta dal maestro Vittorio Storaro, tre volte premio Oscar per la direzione della cinematografia, e una delle mie immagini è stata battuta all’asta da Christie’s, una delle case d’asta più importanti del mondo.
Tutte le volte che ho visto una mia foto stampata ed esposta da qualche parte, ho avuto un tuffo al cuore e mi sono chiesta “Ma davvero quella l’ho fatta io?

Impiegata in un ufficio per le relazioni pubblicheFabiana Squizzato

Sono rimasta folgorata da alcune delle foto di Irene e ho voluto farmi un regalo: Venice. Quando ho iniziato il corso non avevo neanche una macchina fotografica.
L’anno scorso sono stata selezionata con un mio progetto, che avevo scattato come esercizio di Venice, all’interno d Liquida Photofestival di Torino. Poi le stesse foto sono state esposte da una galleria di Padova alla fiera d’arte di Innsbruck.
Fotografo nel poco tempo libero che riesco a ricavare in una esistenza fitta di impegni: oltre che dei miei tre figli, tutti maschi e pieni vita, mi occupo infatti di relazioni pubbliche in un ospedale della mia città.
Fotografare è una fuga che mi riconcilia con la bellezza, dopo giornate spesso intense, se non faticose, a contatto con dolore e difficoltà.

AvvocatoAnna Caroni

Quando, in pieno lock down, decisi di iscrivermi a Venice ero solo una persona​ ​che, come tante altre, voleva dare un senso a quel momento di assurdo​ ​isolamento rispolverando la mia vecchia passione. Mai avrei pensato che quel​ ​corso avrebbe influito​ ​tanto sulla​ ​mia vita.
Mai avrei pensato che, da quel momento in poi, la macchina fotografica sarebbe diventata il mio miglior mezzo di connessione con il mondo e con me stessa.
Irene mi ha letteralmente conquistata. I​ ​suoi non sono solo​ ​insegnamenti, sono narrazioni. Lei non ti spiega le cose, le rivive insieme a te.
Ironizza sugli errori, prima di tutto sui suoi,​ ​facendoti sempre sentire​ ​a tuo agio e​ ​condisce il tutto con i suoi tips di​ ​letteratura e cinematografia che creano un puzzle di mille connessioni trasversali. L’effetto è wow.
Tra i tanti riconoscimenti che ho ricevuto, uno dei più importanti è stato vedere il mio progetto fotografico “Second hand: una nuova moda?” pubblicato nella collana “Accademia di Fotografia” di Nikon School, in collaborazione con la Repubblica e Corriere della Sera.
La community che si è creata tra gli​ ​studenti dei corsi, lo scambio e il rispetto reciproco, la voglia di rivedersi e i legami
che diventano ogni anno più intensi, beh, sono una ricchezza unica e rara, al pari degli insegnamenti ricevuti.

Art Director & Graphic DesignerValeria Ciardulli

Sono Art Director da 20 anni in un’agenzia di comunicazione, ma ho iniziato a scattare da autodidatta poco prima del lockdown.
Grazie a Venice ho capito che la mia creatività unita alla fotografia poteva avere un grosso potenziale. Non sempre tutto quello che ho dentro riesce ad uscire con i clienti che ho in agenzia.
Irene mi ha spronato ad alzare l’asticella cercando di fare sempre meglio. Una parte fondamentale del corso per me è stata quella riguardante Instagram, di cui ero totalmente all’oscuro.
E’ proprio grazie ad Instagram che magazine e curatori mi hanno trovata e condivisa.
Senza questo corso non avrei mai creduto in me stessa.
Negli ultimi anni ho raggiunto molti traguardi e ho avuto grandi soddisfazioni personali.
Ho esposto a Milano, a Parigi, al Politecnico di Torino.
Sono stata selezionata 6 volte tra gli Editors’ picks di Lens Culture.
Una mia fotografia è stata addirittura scelta come locandina ufficiale della Notte Off di Fotografia Europea 2021.

Ex agente di viaggio, ora fotografa di eventiMariacristina Alessandrello

I contenuti i di Venice che più mi hanno aiutata sono state le interviste ai diversi fotografi ospiti e il Risveglio Creativo. Ma soprattutto tutta la parte relativa alla comunicazione.
Con il tempo sono diventata più coraggiosa nello sviluppare la mia idea di creatività e comunicare il mio lavoro.
A novembre del 2022 sono stata al Guateque, uno degli eventi di musica elettronica più famosi della città dove vivo, Las Palmas di Gran Canaria, e ho portato la mia macchina fotografica.
Mi sono buttata e ho iniziato a scattare foto.
Agli organizzatori sono piaciute molto: ne hanno visto la potenzialità e le hanno utilizzate tantissimo per la promozione dei loro eventi successivi. Da lì in avanti, sono stata scelta come fotografa ufficiale 😉
All’ultimo evento tra il pubblico c’era anche Irene, ed eravamo emozionate tutte e due <3

Educatrice di nidoClaudia Grando

Sono stata contattata dalla curatrice di mostre fotografiche Laura Tota.
Mi ha chiesto se volevo partecipare ad ImageNation Paris con lo scatto “Cocoon”. La foto ritrae un piumone da cui esce solo la mano di mia figlia.
Quasi incredula le ho chiesto se si fosse sbagliata visto che venivo inserita tra i “giovani fotografi emergenti” e ho 50 anni. Laura mi ha spiegato che “giovane” si riferisce allo sguardo del fotografo.
Devo molto a Irene, perché oltre all’esperienza e alla professionalità che mette a disposizione dei suoi studenti, ha sempre parole di incoraggiamento che ti stimolano a metterti in gioco senza timore.

Visual Merchandiser Fabrizio Lecca

Sono arrivato su Venice che scattavo solo travel ed architettura e pensavo che questi due generi fossero i miei. Mi si è aperto un mondo, ho imparato la parola d’ordine: SPERIMENTARE e mi sono lanciato con il fotografare oggetti, persone e addirittura fotografia di moda e mi sono divertito un mondo ad uscire dalla mia comfort zone.
Venice mi ha dato il coraggio di mostrare le mie foto non solo ai miei followers di Instagram ma di portarle a dei concorsi fotografici. Essendo laureato in psicologia, per sentirmi a casa sono partito con una call per l’albo italiano degli psicologi e la mia foto è arrivata subito tra le 20 finaliste.
Da li, non mi sono più fermato, ho una foto stampata su Reppink’s Selects di Broad Magazine, uno scatto ha vinto il concorso fotografico “Lento Scorrere” e per questo potrò accedere ad un viaggio con il fotografo Nikon School Piero d’Orto.

L’emozione più grande? Avere non una, ma due mostre all’attivo a “Fotografia Europea 2023”, una personale e una collettiva con le mie compagne e compagni di Arizona.

Ex UX/UI disegner, ora fotografa professionistaLucrezia Ficetti

Mi sono regalata Venice nel 2020 durante il periodo di quarantena, avevo bisogno di ritornare a scattare e a dedicarmi alla fotografia, una passione che ho fin da bambina. Venice è stata una bellissima scoperta, ha risvegliato in me la creatività e la voglia di mettersi in gioco.
Nel 2021 ho realizzato l’autoritratto “Voglio uscire” in occasione di una open call aperta solo agli studenti di Venice. La mia fotografia è stata selezionata ed è stata esposta in una mostra collettiva in occasione di Fotografia Europea. Ma la sorpresa è arrivata dopo.
Con lo stesso scatto ho vinto nel 2022 il premio Bresciani per la Fotografia Femminile, un premio a livello nazionale. Una open call a cui anche Irene aveva participato, ma in questa occasione ho vinto io 😉
Fotografare per me è terapeutico, mi aiuta ad indagare me stessa e ciò che mi circonda. La natura e l’animo umano sono le mie più grandi fonti di ispirazione.
A marzo del 2022 ho lasciato il mio lavoro come UX/UI designer e ora lavoro a livello professionale come fotografa di ritratto e di prodotto.

Non solo online: la community ci ha connesso anche nella vita reale ?

We know, trovare e fare amicizia con altri appassionati di fotografia non è facilissimo.

Se sei anche una persona introversa come me (è Irene che ti parla), magari è ancora più complesso.Eppure tutto nel nostro gruppo è andato oltre ogni aspettativa.

Tra noi sono nati bellissimi rapporti, che ci hanno portato a fare uscite fotografiche, organizzare mostre, fare aperitivi e cene, e persino ritrovarci a lavare i piatti insieme 😉

La fotografia è il nostro porto sicuro, il nostro angolo di creatività

Cosa dice chi ha già frequentato il corso

Giulia Gabbiai

Social Media Manager

Grazie al corso Venice ho preso molta più consapevolezza delle possibilità che ognuno ha nel suo piccolo. Non importa da dove parti, che basi hai, se sei un fotografo professionista o scatti solo con il telefono, ognuno di noi ha la propria strada e questo corso mi ha fatto capire che ci sono mille modi per migliorare in tutto, che sia un hobby o il tuo lavoro.
Grazie Ire, oltre all’insegnamento tecnico mi hai dato una carica emotiva spaziale.

Patrizia D’Arcangelo

Avvocato

Non ti nascondo che con Venice mi sono commossa. Indipendentemente dal tuo aspetto artistico/creativo/professionale (che senza dubbio è di gran pregio ) involontariamente mi hai dato anche una bella lezione di vita.
Avevo alle spalle già diversi corsi strettamente tecnici e non ne potevo più perché sentivo il bisogno di liberare la mia creatività, di individuare soggetti interessanti mentre cammino o di sfruttare i giochi della luce naturale. Non di stare sempre attenta alle impostazioni della macchina fotografica.

Federica Fabbrizzi

Ballerina

Senza “troppe pippe” o algoritmi strani Irene è riuscita a darmi le nozioni più utili per andare dritta alla pratica. Non mi considero sicuramente fotografa ma cavolo almeno adesso quando ho in mano una macchina fotografica so cosa sto facendo.

Federica Funaro

Fotografa professionista

“Irene insieme ai suoi corsi creano dipendenza! Avevo bisogno di una spinta per uscire dal blocco creativo in cui stazionavo da un po’. Purtroppo ormai scattavo per lavoro e non più per me… Irene è stata la scintilla che ha alimentato di nuovo il mio amore per questo mondo. Adesso ogni giorno non vedo l’ora di scattare. Can’t wait per qualsiasi suo nuovo corso o progetto, sarò in prima linea! Grazie Ire.”

Silvio Napoletano

Ingegnere Informatico

La reflex era nello zaino da più di un anno, mi sentivo bloccato e privo di qualunque ispirazione. Poi per caso ho scoperto Ire e con lei ho iniziato un fantastico viaggio chiamato Venice.
Venice è illuminante: ha riacceso in me la voglia di creare, di uscire con la camera sempre nello zaino proprio come un tempo, di cercare nuove sfide e continuità nei progetti. Venice è motivazione dopo le lunghe e noiose giornate di lavoro, è iniezione di buonumore da usare in caso di necessità. Attenzione: crea dipendenza.

Emanuela Corsaro

Fotografa amatoriale

Avevo iniziato a scattare foto da piccola ma poi negli anni mi ero messa dietro a guide e tutorial sentendomi sempre meno capace, meno spontanea e creativamente bloccata.
Irene mi aveva già colpita dalle sue IG Stories perchè spiegava tutto in modo semplice e immediato. Mi sono iscritta sapendo che sarebbe stata la svolta giusta per me, ed è stato così. Venice è ricco di esempi che non puoi non ricordare.
Irene ti porta ad allenare l’occhio per guardare e scattare secondo le TUE frequenze. Ho finalmente smesso di sentirmi sbagliata.

Simone Colombo

Grafico

Ho scelto Venice rispetto ad altri corsi per l’approccio di Irene e la sua carica. In Venice si va dritto al punto e, senza tralasciare la tecnica ma senza renderla protagonista, ci si concentra sulla fotografia come mezzo di comunicazione ed espressione, che è quello che cercavo. Quello che non mi aspettavo di trovare è una community attiva, partecipativa e assolutamente non egocentrica.

Emanuele d’Amato

Fotografo professionista

In un periodo in cui tutto ciò che era stabile e sicuro è venuto a mancare, Venice è un corso di fotografia che non ringrazierò mai abbastanza. Mi ha spezzato dei lucchetti che mi stavano bloccando molto professionalmente. Arrivo da 15 anni di professionismo e non riuscivo a staccarmi dalla fotografia tradizionale, anche se la fotografia da cui ero realmente attratto era molto più istintiva. E grazie a Venice sono riuscito a togliermi questo pudore tecnico di dosso e riuscirò ad essere finalmente me stesso.

Sarah Bazzocco

Fotografa amatoriale

Dopo Venice solo più soddisfazione e voglia di crescere … sono “carica”, un fiume in piena che ha voglia di esprimersi al meglio attraverso la fotografia. Credo di pubblicare ora foto che sento più mie e piano piano credo di aver trovato la “mia” strada, con tante sbandate e cadute, ma felice di poter crescere ancora molto. Non ho più nessuna paura, oso di più.

Fiorenza Martino

Farmacista

Sentivo di non riuscire a sbloccare qualcosa, come se il potenziale fosse bloccato. La genuinità di Irene e la sua professionalità, sommata a quella di tutti i “featuring”, parlano chiaro e parlano dritti al cuore delle cose. Senza tecnichese e altri paroloni. Non esiste un altro corso così.

Tommaso Pecchioli

Art Director

Con Venice mi sono sentito parte di un tutto, senza per forza dovermi esporre. È tornato il desiderio di scattare. Venice è stato la ricerca e l’espressione della mia fotografia. Ho smesso di voler fare le foto degli altri. Adesso voglio fare le mie.

Sara Sampaolo

Commessa

Da quando ho iniziato i corsi di Venice e Plutone la mia visione della fotografia è completamente cambiata. Adesso sono fiera delle foto che riesco a produrre, anche soltanto quando un’amica a cui ho fatto un ritratto mi dice che non si è mai vista così bella come in quelle foto. Una piccola soddisfazione è stata anche essere contattata per rispondere ad alcune domande per un articolo online circa la mia formazione e il mio stile fotografico (per il blog “Giovani Fotografe”) . Ma anche quello di essere inserita in un piccolo progetto emergente legato al tennis dove il mio lavoro è quello di produrre scatti durante allenamenti privati ai singoli giocatori.

Alex Vivan

Al momento disoccupato

Una foto che ho scattato è stata selezionata all’interno di una mostra con l’intento di supportare la divulgazione riguardo il tumore ovarico. Grazie a questa associazione la mia foto è stata stampata ed esposta in mostra prima a Bologna, poi in giro per i padiglioni oncologici degli ospedali italiani, oltre che ad essere pubblicata su alcuni giornali online tra cui Vanity Fair Italia.

Perché scegliere Ultra Venice invece che un altro corso?

VERY EASY

Quello che non facciamo:

  • Non ti obblighiamo o incoraggiamo a diventare l’ennesima copia di altri maestri della fotografia.
  • Non imponiamo regole o limiti al tuo modo di pensare, creare, esprimerti.
  • Non ti diremo mai che esiste un solo modo per fare le cose (o per fotografarle).
  • Non siamo solo teoria, tecnica e paroloni (quelli che ti annoiano e ti fanno dubitare di esserne capace).
  • Non abbiamo paura della contemporaneità e dei linguaggi fotografici che cambiano.

Quello che facciamo:

  • Partiamo da te e dal tuo vissuto (non dallo studio pazzo di Steve McCurry e degli altri intoccabili della fotografia).
  • Lavoriamo sui 3 pilastri della fotografia contemporanea – tecnica, comunicazione e creatività – e non soltanto su 1 dei 3
  • Utilizziamo insegnamenti dal cinema, dalla musica, dalla letteratura, dal mondo dell’arte: perché non viviamo chiusi dentro una scatola e crediamo nella contaminazione tra le arti.
  • Ti facciamo sentire punti di vista diversi, di creativi e fotografi, in modo che tu possa prendere quello che funziona per te. Non quello che ti viene imposto dall’alto.
  • Ti sfidiamo con esercitazioni pratiche spaziali, già testate dai nostri studenti, per farti migliorare più velocemente (sappiamo quanto sia demotivante sentirsi arenati)
Iscriviti a Ultra Venice

Trovare la propria dimensione in fotografia è più che possibile:

ImpiegataAlessandra Battini

Ho sempre sentito la pulsione a trovare un canale attraverso il quale esprimere la mia creatività, senza però trovarlo per tanto tempo.
Poi ho intuito che potesse essere la fotografia quel canale e mi sono timidamente avvicinata a questo mondo, un po’ impaurita.
Sono stati i corsi di Irene a farmi fare click, dandomi il coraggio di scattare senza cercare di emulare o adeguarmi, ma assecondando le mie visioni e la mia interiorità.
E oggi, sono sempre un’impiegata che si occupa di consulenze e pratiche burocratiche, ma ho sviluppato la mia bolla creativa in cui sentirmi intera e ho ottenuto dei traguardi che mai avrei immaginato, come avere due mostre all’attivo in questo momento, a Milano e Parigi.

CuocoDavide Salamone

Già da un po’ di tempo sentivo il bisogno di esprimermi e farmi capire dagli altri.
Ho trovato nella fotografia un metodo di comunicazione molto efficace, anche per una persona timida e riservata come me.
Con l’iscrizione a Venice e Plutone ho compreso che bisogna comprendere sì come fotografare (ISO, velocità, diaframma ecc.) ma soprattutto perché farlo. Cosa ci fa soffermare davanti a determinate immagini? Cosa senti e cosa vuoi esprimere in uno scatto?
Ho iniziato a fotografare cose alle quali non avevo mai dato importanza.
Ho imparato che qualsiasi oggetto può essere elevato a soggetto e che non bisogna sottovalutare il nostro sguardo sul mondo.
Irene e tutti quelli che stanno dietro a questo progetto sanno come stimolare e ispirare le persone.
Esercizi, sfide fotografiche. Ti spingono a provare, a non avere paura di osare e cercare di mettere tutto te stesso in quello che fai.
Grazie a tutto questo una mia foto ha fatto parte della mostra Echoes, la mostra collettiva di Arizona del circuito OFF di Fotografia Europea 2023 a Reggio Emilia . In mezzo al vortice di emozioni provate, ho potuto incontrare Irene e la fantastica community di Venetians.

Professoressa di tecnologia Elisa Roman

Mi sono sempre sentita distante, inadeguata, e incapace di raggiungere certi risultati che vedevo sulle riviste o su Instagram. Tenevo tutti click mentali che facevo nella mia testa, al massimo stampavo qualche foto gli album di famiglia.
Ho incontrato Irene online per caso, ho fatto un mini corso gratuito con lei. Ho sentito immediatamente un’attrazione magnetica. Mi sono subito iscritta a Plutone, poi a Venice.
Attraverso i suoi incoraggiamenti continui è riuscita a scoperchiare la pentola a pressione che ribolliva in modo latente dentro di me, e che non riusciva a trovare un canale di espressione.
E’ riuscita ad incoraggiare sempre la mia personalità e quella dei miei compagni di corso.
Ognuno di noi ha il proprio sguardo di vivere e vedere la realtà.
Mi sento di aver trovato un piccolo posticino all’interno del mondo della fotografia, che so che non è e non deve essere uguale a quello di nessun altro. E’ mio, è autentico e vale per questo. Finché continuerò ad indagare su me stessa
In breve tempo sono incredibilmente arrivati anche alcuni traguardi e risultati (che io non stavo neanche cercando): pubblicazioni su gallery on-line, riviste e libri di settore, come l’e-book Docu Magazine, Broad Magazine, Solo. Inoltre, due mie foto saranno esposte in grande formato al Treviso Photographic Festival 2023.
Della meravigliosa community di appassionati ed amici che si è creata dietro a questi corsi grazie ad Irene non sto qui a dire, che ci vorrebbe un libro intero 😉

Insegnante di inglese (ora anche fotografa ritrattista) Nynevell

Ho scoperto Arizona e Irene un po’ per caso ma sono subito rimasta colpita dalla comunità che stavano via via costruendo e dalla bellezza che condividevano.
Ho trovato l’approccio di Irene diretto e meno impostato, rispetto ad altri.
In Venice il Risveglio Creativo, l’attenzione al colore, gli esercizi stimolanti e le interviste a diversi fotografə sono stati per me svoltanti.
L’emozione di far parte di una mostra collettiva e di vedere scatti di mani diverse parlarsi tra loro è impagabile. Per non parlare della comunità che si è creata intorno ad Arizona, in cui ci si supporta e si cresce insieme, è cosa rara e preziosa.
Perché spesso non c’è condivisione e collaborazione tra fotografi, e avere un gruppo attorno, che c’è e ti aiuta, ti fa crescere più in fretta.
Ultima soddifazione personale: una mia fotografia (Woodland Dreams) sarà esposta a ImageNation Paris 2023 il prossimo maggio.

Svariati lavoriIlaria Rolando

Vengo da un piccolo paese in provincia di Torino. Ho fatto tanti lavori e viaggiato tanto nella mia vita, in questo momento mi trovo in Australia.
Per molto tempo ho scattato per paura di dimenticare (ho una memoria molto labile), ma senza darci troppo peso. Nel 2020 arriva la spinta. Una mia amica mi dice “segui questa fotografa su Instagram, secondo me ti piacerà”.
Venice è stato il primo corso che mi ha intrigato a tal punto da comprarlo, gli altri per me erano sempre stati troppo tecnici.
Con questo corso è avvenuta veramente una rivoluzione dentro di me, ho capito che tramite le immagini avrei potuto raccontare quello che vivo e sento dentro.
Esprimermi a parole per me è sempre stato troppo difficile.
Venice è un corso molto introspettivo, ho imparato ad ascoltarmi e a darmi una chance come fotografa di professione, fino ad entrare per la prima volta in uno studio fotografico e propormi.
Le mie foto sono state selezionate per 4 mostre (Fotografia Europea Off 2021, FE Off 2023, Imagenation Milano 2021, Imagenation Parigi 2023) e ho anche esposto alcune delle mie foto in una piccola mostra personale a Torino.

Il programma completo di Ultra Venice

• 9 capitoli dove andremo a lavorare sui 3 blocchi principali in fotografia: comunicativo, creativo e tecnico

• Più di 75 lezioni tra video, interviste e approfondimenti scritti (per stimolarti a livello visivo, uditivo e cinestetico)

• 12 fotografi e artisti da cui prendere ispirazione

• 30 esercizi già testati da altri studenti per uscire dalla sensazione di stallo e tenerti sempre allenato
Iscriviti a Ultra Venice
  • Modulo 1 Creatività e introspezione

    • γνῶθι σαυτόν
    • Mappiamoti e scopriamo che fotografǝ sei
    • Le fasi del ritmo creativo
    • “It’s just stuff”
    • Dentro il mondo di Marta Blue – Fotografa introspettiva e contributor del New York Times
    • Iniziamo a disegnare un tuo progetto personale
    • Fortune cookie: Percorso Risveglio creativo: 7 giorni per risvegliare la tua creatività
  • Modulo 2 Tecnica senza il tecnichese

    • Pre produzione, produzione e post produzione: come portare la creatività in tutte e tre le fasi
    • Iso, tempi, diaframmi: come muoversi velocemente tra le impostazioni tecniche
    • La profondità di campo e il fuoco: significato filosofico e tecnico
    • Nel concreto, cosa faccio quando esco a scattare?
    • Lo strano parallelo tra pizza e formato raw
    • Macchine fotografiche – Viaggio tra gli strumenti | a cura di Mattia Bonavida
    • Lenti fisse vs zoom: fare uno o tanti lavori?
  • Modulo 3 Composizione e scatto

    • Impariamo a leggere un’immagine, le sue linee e il loro significato
    • Andare oltre il “mi piace/non mi piace”. Come dare feedback migliori [a cura di Manuela Limonta – filosofa]
    • Rompere le regole: esempi e casi studio di persone che hanno fatto tutto il contrario di quello che è “giusto” fare
    • Street photography: tutto quello che ho imparato negli ultimi 15 anni
    • Fortune Cookie: Intervista allo street photographer italiano Lorenzo Catena
    • Fotografare le persone: come approcciarle e ottenere scatti potenti ma spontanei
    • Fortune Cookie: Intervista alla ritrattista italiana Un Fiore sulla Luna
  • Modulo 4 Selezione e post produzione

    • Il mio metodo per selezionare le fotografie e le 3 scremature che faccio ogni volta
    • Come selezionare le fotografie in base a dove devo pubblicarle: Instagram, progetto personale, concorsi
    • Il magico mondo della post produzione, dal cinema alla fotografia: la psicologia del colore, il significato filosofico della post
    • “Non ho un mio stile”. Meglio essere riconoscibili o cambiare spesso post?
    • Come capire quando il troppo stroppia: action step su come non esagerare
    • Come muoversi da una foto singola a una serie di foto o un progetto personale
  • Modulo 5 Esercitazioni

    • Cosa scoprirai mentre ti eserciti e perchè è importante farlo
    • Manuale di esercizi pratici di fotografia (già testati da più di 1000 venetians!)
  • Modulo 6 Contaminazione e rielaborazione degli stimoli

    Abbiamo deciso di tenere questo capitolo completamente top secret, vogliamo che sia una totale sorpresa. Possiamo solo dirti che sarà una figata! Ti aspetta dentro il corso 😉

  • Modulo 7 Pubblicazione e comunicazione

    • Superare il blocco comunicativo e la paura di mostrare il proprio lavoro
    • “Sono un fotografo e odio scrivere”
    • “Essere un fotografo non vuol dire essere un bravo comunicatore
    • 5 modi per scrivere un copy (senza sbattersi troppo) se sei fotografo
    • Case study: come pianifico il feed IG di @pianeta.arizona e il mio feed personale @ire.ferri
  • Modulo 8 Lavorare con la fotografia (like a pro)

    • La mia esperienza in 15 anni di fotografia: cosa non rifarei più e cosa avrei voluto sapere prima
    • Fare il salto: come alzare la propria asticella personale
    • How to look professional even if you don’t feel professional: quali domande fare al cliente per sembrare più professionale
    • Checklist pre, durante e dopo il photoshoot
    • Liberatorie e contratti di collaborazione pronti all’uso
    • Fortune cookie: Portare creatività ed estro dentro lavori commissionati – intervista alla fotografa e art director Ilenia Tesoro
  • Modulo 9 Mostre e concorsi

    • Capire i concorsi e le open call di fotografia
    • Mindset e strategia per superare paranoia e paura del giudizio
    • Ti mostro esattamente come imposto il mio file per l’invio delle fotografie ai concorsi e come tengo traccia di tutto
    • Download del mio file per il tracciamento delle open call
    • Dove trovare i concorsi e come comportarsi quando si viene scelti
    • Fortune cookie: Intervista a Marinella Paderni – Curatrice e Docente di Storia dell’arte contemporanea presso l’Accademia di Belle Arti di Bologna
    • Case study: dietro le quinte della mostra di Arizona per Fotografia Europea 2023

Fortune Cookies

Chiamarli bonus non ci piaceva 😉

Abbiamo preparato per te tanti fortune cookies, da aprire appena ne hai voglia, per trovare una scintilla d’ispirazione, per farti una sorpresa da solə. Sono lì che ti aspettano, tra i contenuti e i capitoli del corso.

Alcuni saranno scritti, altri saranno video. Get ready, eccone alcuni:

Dentro il mondo di Marta Blue

Fotografa introspettiva e contributor del New York Times

Contaminazioni estetiche/ Angelo Guttadauro

Fotografo di moda, Art director e contributor di i-D Italia

Come portare creatività nei lavori commissionati/ Ilenia Tesoro

Art Director based in Puglia

Creare intimità con il soggetto/ Martina Bertacchi

Aka la ritrattista Un Fiore sulla Luna

La street photography secondo Lorenzo Catena

Vincitore del London Street Photography Festival (2018) e co-autore di Mareterno

E altri non te li sveliamo, saranno una sorpresa dentro il corso 😉

LA TUA INSEGNANTE ALL’INTERNO DI ULTRA VENICE

Irene Ferri

Sono una fotografa, docente e imprenditrice digitale nata a Reggio Emilia.
Sono neurodivergente (ADHD) e faccio parte del mondo LGBTQ+.

Dopo una laurea in Comunicazione e Media, mi sono trasferita negli Stati Uniti per studiare Cinematografia all’Università della California Los Angeles.

Tutto quello che ho imparato nel mondo del cinema e della comunicazione l’ho applicato alla fotografia: tratto le foto come se fossero inquadrature del film che ho in testa, e credo profondamente nella contaminazione tra le arti.

Ho un debole per i cactus, Venice Beach e i deserti del West Americano,

Negli anni i miei reportage fotografici sono stati pubblicati da Rolling Stone, Sky TG24, Sky Arte, Ansa Cultura, Io Donna e molti altri magazine.

Sono stata scelta da Nikon Italia come una dei loro migliori talenti a livello nazionale nel 2019/2020, e scelta come uno dei volti della Nikon Z50 da Nikon Europa.

Come docente negli ultimi anni ho tenuto lezioni di fotografia e Instagram marketing all’interno di IUSVE Università di Venezia, ACT Accademia Creativa Turismo, Collegio Universitario Einaudi e l’Ordine dei Giornalisti dell’Emilia Romagna.

Nel 2021 (con molto orgoglio) ho co-scritto un libro con Nikon Italia e il Corriere della Sera, “Master di Fotografia – Fotografia per i social.”

Nel 2022 sono stata premiata tra i finalisti di “Miami Street Photography Festival” e una delle mie fotografie è andata in mostra durante Art Basel, una delle fiere d’arte più importanti del mondo.

Ora che ci siamo conosciuti ufficialmente, ti racconto qualcosa di più personale

Sono una persona neurodivergente, sono stata diagnosticata ADHD (deficit da disattenzione e iperattività) a 31 anni.

Ma avremmo dovuto capirlo prima, già alle superiori, quando passavo le mattinate a disegnare non-stop sui banchi e incantarmi guardando fuori dalla finestra 😉

Cosa vuol dire ADHD per me, nella pratica, quando parliamo di apprendimento? Che se non sono stimolata non vado avanti nelle cose, mollo tutto. Che se le cose sono spiegate in maniera standard e tradizionale il mio cervello si spegne.

So cosa vuol dire volere fortemente imparare cose nuove, ma non farcela perché stai morendo di noia.

Credo che l’ADHD mi stimoli a diventare l’insegnante che avrei voluto avere, perché sono io la prima a non potermi auto-annoiare.

Per questo ce la metto davvero tutta per rendere le lezioni chiare, stimolanti e concrete. E soprattutto per portare una visione della fotografia più inclusiva e possibile.

Hanno parlato di Irene e del suo lavoro:

Venice

Parti per Ultra Venice

Voglio iscrivermi
COSA È INCLUSOUltra Venice
9 moduli di contenuti su tecnica, composizione, creatività, contaminazione, introspezione e comunicazione in fotografia
Accesso a vita a tutti i materiali del corso
Tutti i fortune cookies (bonus, interviste, contenuti speciali, contenuti a sopresa)
Accesso al gruppo Telegram dei nostri studenti
Risveglio creativo: 7 giorni to skyrock your creativity
Tutti i 30 esercizi del corso
407

Parti per Ultra Venice

    Sei interessato al corso? Iscriviti qui per ricevere tutte le informazioni appena riapriremo le iscrizioni

      Sei interessato al corso? Iscriviti qui per ricevere tutte le informazioni appena riapriremo le iscrizioni

      Domande frequenti

      Abbiamo preparato un elenco di domande che gli utenti interessati ci fanno e le risposte che diamo. Se hai dei dubbi o una domanda che non è fra queste, contattaci direttamente!

      • Ultra Venice come si differenzia da Plutone?

        Plutone è un corso completamente dedicato al mondo della post produzione fotografica, con video specifici su tutti i tool di Lightroom. In Ultra Venice parleremo di post produzione solo a livello teorico, e non andremo nel dettaglio di nessun

      • Devo averle Lightroom e Photoshop per partecipare?

        No! Se li usi normalmente per modificare le tue foto fantastico, ma non ti servono per questo corso. Parleremo di post produzione, ma non useremo tool tecnici.

      • In che modo verranno rilasciate le lezioni?

        Vogliamo che tu possa fruire il corso con calma e costanza. Appena iscritto avrai accesso al Capitolo 1 e al bonus “Il Risveglio Creativo” (entrambi molto ricchi). Ogni settimana vedrai apparire nella tua piattaforma un nuovo capitolo, fino ad arrivare al nono e ultimo capitolo nel giro di 6 settimane dalla tua iscrizione 🙂 Faremo un bellissimo viaggio fotografico assieme.

        Ecco il Calendario delle lezioni (rispetto al tuo giorno di iscrizione):

        Giorno 0: Introduzione al corso + Risveglio creativo + Capitolo 1

        Giorno 7: Capitolo 2

        Giorno 14: Capitolo 3 e 4

        Giorno 21: Capitolo 5 (esercizi) + Capitolo 6

        Giorno 32: Capitolo 7 + Capitolo 8

        Giorno 43: Capitolo 9 + Liberatorie, contratti, modelli

      • Per quanto tempo avrò accesso al corso?

        Avrai accesso a tutti i video di questa edizione di Ultra Venice a vita, potrai guardarli e riguardarli quando e come vorrai. Siamo sicuri che li troverai di estremo valore 🙂 Noi ci abbiamo messo tutti noi stessi.

      • Posso pagare con bonifico?

        Si, se scegli il pagamento in un’unica soluzione. In questo caso scrivici una mail all’indirizzo hello@arizonas.co e il team Arizona ti darà tutti i dati per procedere all’acquisto.

      • Posso richiedere fattura?

        Certamente! Inserisci i dati dell’azienda all’atto del pagamento e poi scrivici una mail all’indirizzo hello@arizonas.co per richiedere la fattura, il team Arizona provvederà a inviartela all’inizio del mese successivo all’acquisto!

      • Avrò un attestato alla fine del corso?

        Certo, se ne avrai bisogno lo troverai alla fine del tuo percorso dentro la scuola online. La piattaforma te lo rilascerà automaticamente una volta completate le lezioni.

      • Ho una domanda, a chi posso farla?

        Il team Arizona è pronto a risponderti, scrivici alla mail hello@arizonas.co

      Ma come, un corso di fotografia quando sta spopolando l’Intelligenza Artificiale?

      Per me (è Irene che ti parla) generare immagini con l’intelligenza artificiale è l’ennesima cosa che mi porta a stare davanti a un computer. Mamma mia che novità ?

      Per me fotografia significa connettermi con il mondo che ho attorno; sentirmi meno alienata e scollegata, perchè ho qualcosa che mi aiuta a stare qui.

      Quindi sì, assolutamente. Un corso di fotografia mentre va di moda l’AI, perché il punto del fotografare per noi è proprio quello di viverci appieno l’esperienza terrestre ?

      Autoritratto di Valeria Ciardulli – non generato dall’intelligenza artificiale 😉

      Ci stai ancora pensando?

      TI LASCIAMO QUI ALCUNI DEI MESSAGGI DA CHI HA APPENA FREQUENTATO IL CORSO 😉 TI ASPETTIAMO DENTRO ULTRA VENICE!

      “Venice è stato ILLUMINANTE. È stato talmente forte che sto ancora aspettando di vedere l’ultimo video, quello dei saluti, perché ho quel mix di ansia e tristezza come in pre ultimo episodio di Game of Thrones. Sono tentata di reiscrivermi a Venice sotto nome falso, così giusto per il brivido di ricominciare.”

      Valentina Berro – Social Media Manager